Caldo e rischi per i lavoratori

Di Gabriella Geraci / 13 Luglio 2024 

 

Leggi l'articolo su repertoriosalute.it


 

Caldo estremo e salute e sicurezza sul

lavoro: il ruolo del dialogo sociale.

I risultati del progetto Adaptheat per il

contesto italiano.

 

 

Elisa Errico, Daniele Di Nunzio

Fondazione Di Vittorio

 

N.5/2024

Download
ADAPTHEAT_FDV-WP-5-2024.pdf
Documento Adobe Acrobat 1.2 MB

MEDICO COMPETENTE

Novità

02/07/2024

Convegno "I dati, la sorveglianza sanitaria efficace e la promozione della salute nell’ottica della total worker health"  

Segnaliamo la pubblicazione sul sito ciip-consulta.it dei materiali del convegno da poco concluso:

 

I dati, la sorveglianza sanitaria efficace e la promozione della salute nell’ottica della total worker health: Il confronto aperto tra medici competenti e Servizi di Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro.

 

Download
Luglio 2024
CIIP Giudizio idoneita e accomodamento r
Documento Adobe Acrobat 395.9 KB

Dal sito di radioradicale.it

Il documento di orientamento professionale per il medico competente sulla collaborazione alla valutazione dei rischi (Durata: 2 ore 49 min) A cura di Luciana Bruno


 

Statistiche Infortuni Mortali sul Lavoro

Dati al 31.05.2024

 

a cura dell’Osservatorio Sicurezza sul Lavoro e Ambiente di Vega Engineering

 

Scarica da repertoriosalute.it Statistiche Infortuni sul lavoro Osservatorio Sicurezza Ambiente Vega Engineering


 

CORTE DEI CONTI: “PERPLESSITÀ SULL’AVANZO DEL BILANCIO INAIL” 

Leggi l'articolo su ambientelavoro.it

 

AUTONOMIA DIFFERENZIATA: QUALI CONSEGUENZE PER LA SICUREZZA SUL LAVORO?

Leggi l'articolo su ambientelavoro.it


Gli invisibili 

Gli infortuni sul lavoro continuano ad accadere  secondo dinamiche note, nonostante i mutamenti globali e l’avanzare delle tecnologie. La loro narrazione può contribuire a prevenirli.

 

Leggi l'articolo di Gabriella Galli su

repertoriosalute.it


 

Le 10 proposte Cgil Uil per il Giubileo

 

I sindacati mettono sul tavolo alcune richieste per un evento che si concentri sulle opere, il lavoro e le persone. Si parte da un ‘Giubileo zero infortuni’

 

Leggi l'articolo su collettiva.it


 

  • Bracciante morto a Latina,
  • i soccorritori: «Satnam Singh poteva essere aiutato».
  • I datori di lavoro: «Ha fatto di testa sua»

Leggi l'articolo su roma.corriere.it

 

..Trattano i lavoratori agricoli immigrati come “vuoti a perdere”. Le grandi associazioni imprenditoriali del settore agricolo non hanno nulla da dire ?

Leggi l'articolo su diario-prevenzione.it

 

Il lavoro deve essere sicuro: leggi "Rischi in agricoltura e caporalato. L’ennesimo quadro sconsolante" 

di Maurizio Mazzetti su ilmanifestoinrete.it

 

Può essere utile alla causa di Satnam Singh, lavoratore agricolo abbandonato e lasciato morire in seguito ad una grave ferita da infortunio, la sentenza della Cassazione di Milano del 18 dicembre 2012 in esito all'infortunio mortale del lavoratore agricolo ‘clandestino’ Vijay Kumar del 27 giugno 2008 a Salina di Viadana.

Notevoli sono le analogie tra i 2 infortuni: anche Kumar, lavoratore agricolo ‘clandestino’ addetto alla raccolta nei campi, è vittima di un probabile colpo di calore e viene abbandonato scientemente dal datore di lavoro in un fosso, malgrado le proteste dei compagni di lavoro, e muore.

In tutti e 3 i gradi di giudizio il datore di lavoro è stato riconosciuto colpevole di omicidio volontario con la condanna a 17 anni di reclusione (Costa Mario) e a 9 anni e 4 mesi (Avanzi Claudia).

Sentenza esemplare che ha avuto una certa eco mediatica, ma evidentemente la morte di Kumar non è servita a modificare le coscienze e i comportamenti di alcuni imprenditori agricoli.

Download
In nome del Popolo Italiano
sentenza_costa-avanzi.pdf
Documento Adobe Acrobat 310.0 KB

 

Interpello n. 3/2024 del Ministero del Lavoro

 

Leggi su lavoro.gov.it

Immagine da www.repertoriosalute.it


Come affrontare una valutazione dei rischi in ottica di genere?

di Tiziano Menduto

 

Un intervento in convegno si sofferma sulla valutazione dei rischi in ottica di genere. Il progetto di ricerca, i primi risultati, la normativa, le criticità, la carenza di metodologie e le differenze relative ai rischi.

Leggi l'articolo su puntosicuro.it


 

Psicologia del lavoro e delle organizzazioni

 

Si è tenuto il primo meeting nazionale dei referenti degli Ordini territoriali per la psicologia del lavoro e delle organizzazioni.

CNOP, Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi



 

La formazione fa la differenza:

le richieste dei sindacati in Lombardia

Di Gabriella Galli / 27 Maggio 2024 

 

Leggi l'articolo su repertoriosalute.it


 

Interpello sul numero massimo di partecipanti ai corsi di formazione

 

Leggi l'articolo su puntosicuro.it


 

Cambiare la legislazione o impegnarsi per farla applicare?

Di Gabriella Galli / 18 Maggio 2024

 

Leggi l'articolo su repertoriosalute.it


Il Dl 19/24 è stato convertito in Legge 56/24, pubblicata sulla GU del 30/4 

Norberto Canciani ha pubblicato per Ambiente e Lavoro una nota tecnica di facile lettura, che commenta le principali modifiche apportate al già discutibilissimo DL.

Continua a leggere su CIIP Consulta Interassociativa Italiana per la Prevenzione

Il decreto-legge 19/2024 e le novità della patente a crediti

5 marzo 2024

Autore: Tiziano Menduto 

 

Leggi l'articolo su


Il futuro del lavoro: siamo pronti?

 

articolo di Barbara Gerstenberger

 

responsabile dell’unità Vita lavorativa presso Eurofound

 

Pubblicato su repertoriosalute

5 Maggio 2024


 

LAVORI,  STORIA E MEMORIA

LA NASCITA DEGLI SMAL:

L’ESEMPIO DI SESTO SAN GIOVANNI

 

un testo che apparirà nel libro "Lavoro, sicurezza e salute" in uscita da mimesis su officinaprimomaggio.eu


STORIE D'INFORTUNIO 

Il bisogno di raccontare, il bisogno di essere ascoltati. Il valore della narrazione nella prevenzione degli infortuni sul lavoro. I racconti di questa serie narrano storie individuali ma, in ottica di comunità, diventano parte di un sapere collettivo, un patrimonio da condividere per evitare il ripetersi degli eventi infausti.

“Storie di infortunio” è un podcas di DORSPIEMONTE


 

Un nuovo vademecum della Regione Lazio riporta precise indicazioni per la gestione della promozione della salute nei luoghi di lavoro. Il modello Workplace Health Promotion, gli ambienti di lavoro e i vantaggi per le aziende.

 

 Di Tiziano Menduto pubblicato il 3 maggio 2024 su www.puntosicuro.it 


 

Garantire la sicurezza antincendio negli edifici: il ruolo cruciale della compartimentazione.

 

Pubblicato il 29 Aprile 2024 da Clio Gargiulo

su www.insic.it     Leggi l'articolo   


Sicurezza sul lavoro, abbiamo denunciato l’Italia per violazione delle direttive europee.

Nel nostro Paese senza decreti di armonizzazione al TU 81, tutele ridotte per i lavoratori della pesca, nei porti, della navigazione e delle ferrovie.

 

Leggi l'articolo sul sito inmarcia.org


 

Intelligenza Artificiale:

stiamo dimenticando come si lavora?

Di Yann Maurelli / 14 Aprile 2024 

 

Leggi l'articolo su repertoriosalute.it


Lavorare in metaverso: quali rischi?

Di Yann Maurelli / 9 Marzo 2024

 

La realtà virtuale (VR) e quella aumentata (AR) sono ormai ovunque. Dal mondo dei videogiochi al mondo del lavoro. La realtà virtuale è proprio quella tecnologia che si prospetta essere in grado di diffondersi nel mondo del lavoro a macchia d’olio. Già presente in molti settori potrebbe presto diventare uno standard. Questa nuova tecnologia potrebbe essere un alleato potente nella prevenzione dei rischi in cantiere e in altri luoghi di lavoro simili, ma non sempre la sua introduzione è da considerarsi positiva.

Leggi l'articolo su www.repertoriosalute.it


 

D.Lgs. 81/2008:

Quali sono le luci e le ombre della sorveglianza sanitaria?

di Tiziano Menduto

 

Leggi l'articolo su PuntoSicuro


 

Recuperato un patrimonio di cultura e pratica sulla salute e sicurezza sul lavoro

Di Gabriella Galli  (17 Marzo 2024)

 

Leggi l'articolo su repertoriosalute.it


L’anniversario dell’incendio a bordo della Elisabetta Montanari: una delle più gravi tragedie sul lavoro in Italia.

Il 13 marzo 1987, nel cantiere  privato dell’impresa Mecnavi a Ravenna, scoppiava un incendio a bordo della nave gasiera Elisabetta Montanari. I fumi generati provocavano la morte di 13 operai impegnati in lavori di manutenzione all’interno della stiva. 

Vogliamo ricordarne qui i nomi: Filippo Argnani, Marcello Cacciatori, Alessandro Centioni,  Gianni Cortini, Massimo Foschi, Marco Gaudenzi, Domenico Lapolla, Mohamed Mosad, Vincenzo Padua, Onofrio Piegari, Massimo Romeo, Antonio Sansovini, Paolo Seconi

Una tragedia legata a cause che ancora oggi troviamo alla base di infortuni gravi e mortali, anche nel recente caso del cantiere Esselunga di Firenze: lavoro precario, povero, senza misure di sicurezza, senza formazione. senza diritti; appalti a cascata. Oggi, a distanza di 37 anni, e in particolare nel settore delle costruzioni, le condizioni di lavoro (la sicurezza del lavoro e sul lavoro, la sua organizzazione e la garanzia dei diritti)  alla base della tragedia di Ravenna continuano a riproporsi e ad uccidere.

Continua a leggere su snop.it


È morto Enzo Merler,medico del lavoro, epidemiologo.

 

Leggi la notizia su diario-prevenzione.it


Osservazioni critiche al DL 19/24 messo a punto da componenti del gruppo legislazione della CIIP.

ll Governo, nel Decreto-legge del 2 marzo 2024 n. 19 “Ulteriori disposizioni urgenti per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR)”, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2024, ha inserito una parte dedicata alla definizione di disposizioni in materia di contrasto del lavoro irregolare (art. 29).

Download
In un provvedimento che riguarda una molteplicità di argomenti relativi all'attuazione del PNRR al Capo VIII sono introdotte "Disposizioni urgenti in materia di lavoro" che apportano importanti modifiche al D.Lgs. 81/08, alle misure di contrasto del lavoro irregolare nonchè alle competenze e modalità di intervento dell'INL. Il Gruppo di lavoro Legislazione della CIIP ha predisposto il documento allegato di esame di alcune delle numerose criticità presenti nel DL 19/24.
Documento su DL n 19-24.pdf
Documento Adobe Acrobat 760.4 KB

 

Una sconsolante vista su condizioni di lavoro e sicurezza nell’edilizia in Italia.

3 Marzo 2024

Autore :  Maurizio Mazzetti

 

 Leggi l'articolo su Diario Prevenzione

 


Promozione della salute:

il Vademecum della Regione Lazio

11 Febbraio 2024

Autore: Gabriella Galli

 

La Regione Lazio ha adottato con la DGR del 21/12/2021 n. 970 il Piano Regionale della Prevenzione (PRP) 2021-25, che si basa sui dettati del Piano Nazionale della Prevenzione (PNP) 2020-25. Come in ogni Piano regionale vengono programmati a livello locale gli interventi di prevenzione e promozione della salute previsti dal PNP, con un approccio intersettoriale che coinvolge, oltre alle strutture sanitarie e ai Dipartimenti di Prevenzione in particolare, le Aziende pubbliche e private, le Organizzazioni sindacali, gli Enti Locali, le Scuole, le Associazioni scientifiche e professionali e gli enti del terzo settore.
In questo ambito l'articolo al link segnala un'iniziativa della Regione Lazio che può essere un esempio utile di come le Regioni si muovono in ambito di promozione della salute.  Leggi l'articolo su repertoriosalute.it

 


 

Decreto 231:

il percorso per valutare il rischio di reato

Uno strumento utile per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza e la conoscenza delle buone pratiche organizzative, tecniche e gestionali già esistenti; per fornire alle imprese un supporto operativo per il monitoraggio dei requisiti del sistema di gestione aziendale.

Le Linee di indirizzo sono state redatte in conformità allo standard volontario UNI ISO 45001:2018.

 

Scarica qui il volume

 


Pubblicata la norma UNI 11934 sulla professione dell’Ergonomo

UNI 11934 – Attività professionali non regolamentate – Ergonomo – Requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità – Febbraio 2024

 

Dal 1° febbraio di quest’anno è attiva la norma che individua, a chi lo chiederà e ne avrà i requisiti, la professione dell’ergonomo come attività professionale riconosciuta da una norma specifica.

Come si sa in Italia, in ragione delle linee della UE, non è più possibile creare degli ordini professionali. Pertanto la via che oggi si ha a disposizione, per chi vuole certificarsi, e quella di applicare quanto previsto dalla Legge 14 gennaio 2023, n°4 “Disposizioni in materia di professioni non organizzate”. Questa legge, tra le altre molte cose, prevede che la qualificazione della prestazione professionale venga basata sulla conformità alla normativa tecnica UNI di riferimento specifica.

Dopo diversi anni, sotto la competenza della Commissione Tecnica UNI Ergonomia, questa norma è stata pubblicata dall’UNI stessa ed è quindi ora possibile essere certificati come ergonomo.

Il sommario della norma sul sito dell’UNI specifica:

“La norma definisce i requisiti necessari allo svolgimento della professione dell'Ergonomo, ossia della figura che, avendo cognizione dei principi propri dell'ergonomia, è in grado di analizzare e valutare e progettare i molteplici aspetti che sovrintendono l'interazione tra l'uomo, la macchina e l'ambiente, elementi costitutivi di un sistema dato o in corso di progettazione, con lo scopo di definire soluzioni valide per migliorare il benessere psico‐fisico degli operatori contestualmente alla performance, all'efficienza generale del sistema ed al benessere negli ambienti di lavoro e di vita. 

La SIE – Società Italiana di Ergonomia e Fattori Umani ha iniziato il percorso affinché i propri iscritti, che ne facciano richiesta, possano ricevere la certificazione rispondente alla norma UNI. Ai fini della certificazione, oltre ai requisiti di conoscenza, abilità, autonomia e responsabilità, dovranno essere verificate il mantenimento, l’aggiornamento e l’evoluzione delle competenze. La certificazione ha durata di cinque anni che potrà essere rinnovata allo scadere, in presenza di una formazione continua di almeno 50 ore nel quinquennio, l’esercizio continuo della professione e l’eventuale riesame (scritto o orale).

La norma può essere acquistata (e visionata una preview) al seguente indirizzo: https://store.uni.com/uni-11934-2024


Valutare il rischio ergonomico nella Grande Distribuzione Organizzata

Il progetto RAS, Ricercare e Applicare la Sicurezza, è frutto di una convenzione tra l'Inail Direzione regionale Campania e il LEAS dell'Università degli Studi di Napoli Federico II.

Obiettivo del progetto: rendere disponibili una serie di manuali operativi su tematiche inerenti la sicurezza nei luoghi di lavoro. 

Scarica qui il volume


Le cose e le parole

Morti di lavoro di Paolo Pascucci

 

Andare alle radici del progressivo indebolimento della posizione contrattuale dei lavoratori. La bussola è la Carta costituzionale. L’attività produttiva deve essere salubre e sicura fin dal suo concepimento.

https://fuoricollana.it/morti-di-lavoro/


La cultura organizzativa impone, orienta e sostiene i comportamenti, le modalità di comunicazione, le regole, i principi ed i valori che hanno un effetto positivo sulla sicurezza sul lavoro.

Autore: Carmelo G. Catanoso

Categoria: Cultura della sicurezza

 

15/02/2024

                  Leggi l'articolo su  

 


Promozione della salute:

il Vademecum della Regione Lazio

Di Gabriella Galli / 11 Febbraio 2024 

La Regione Lazio ha approvato, il 12 gennaio scorso e mediante una propria Delibera, il Vademecum Indicazioni per la gestione della Promozione della salute nei luoghi di lavoro, in attuazione del Programma predefinito PP3 “Luoghi di lavoro che promuovono salute”. 

LEGGI L'ARTICOLO.


Infortuni mancati: valorizzarne l'analisi per prevenire infortuni gravi e mortali

Di Gabriella Galli / 14 Gennaio 2024 

 

Leggi l'articolo